Celecoxib

Celecoxib è un nuovo complesso per il trattamento del dolore grave e dei sintomi infiammatori. Un lungo ciclo di trattamento allevia il gonfiore e normalizza le condizioni generali del corpo.

Sono stati condotti studi del produttore su pazienti con artrite. Il farmaco ha aiutato ciascuno di loro ed è stato in grado di rimuovere i sintomi spiacevoli della malattia. La concentrazione della composizione di Celecoxib nel plasma si verifica 3 ore dopo la somministrazione. Se prendi il farmaco a stomaco vuoto, è ben assorbito dal corpo e agisce più velocemente.

Non bere pillole con cibi grassi, poiché ritarderebbe l'azione del farmaco e mostrerebbe un'immagine vaga della terapia per il medico.

Gruppo clinico-farmacologico

FANS.

Condizioni di vendita della farmacia

È rilasciato senza prescrizione medica.

Prezzi

Quanto costa Celecoxib (capsule da 200 mg)? Il prezzo medio nelle farmacie è di 450 rubli.

Composizione e forma di rilascio

1 capsula contiene:

  • ingrediente attivo: celecoxib - 100 o 200 mg;
  • sostanze aggiuntive: sodio laurilsolfato, lattosio monoidrato, croscarmellosa sodica, magnesio stearato, povidone K-30;
  • involucro della capsula: gelatina, biossido di titanio, inoltre per 200 mg - ossido di ferro giallo (ossido di ferro).

Rilasciare il farmaco sotto forma di capsule: solido gelatinoso, dimensione n. 0, colore bianco (dosaggio 100 mg) e giallo (dosaggio 200 mg); contenuto della capsula: massa compattata, disintegrante quando leggermente pressata, o polvere granulare di colore quasi bianco o bianco (10 pezzi ciascuno in un blister, in un pacchetto di cartone di 1, 2, 3, 4, 5 o 10 pacchi; 10, 50 o 100 pezzi in un barattolo di plastica, in un fascio di cartone di 1 banca e istruzioni per l'uso di Celecoxib).

Quando viene prescritto Celecoxib?

Le indicazioni per la prescrizione di Celecoxib sono:

  • artrite reumatoide;
  • spondilite anchilosante;
  • osteoartrite;
  • artrite sariatrica.

Proprietà farmacologiche

Il farmaco Celecoxib ha effetti anti-infiammatori, antipiretici e analgesici. Molto spesso, questo farmaco viene utilizzato per sbarazzarsi del dolore nelle malattie del sistema muscolo-scheletrico e ha anche un effetto benefico sulle funzioni motorie delle articolazioni.

Celecoxib è un farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS) di nuova generazione. Il principio attivo del farmaco ha un effetto soppressivo sull'enzima COX-2.

Questo enzima è responsabile dello sviluppo dell'infiammazione e della comparsa del dolore. Ma allo stesso tempo, il componente attivo non influenza il processo di sintesi dell'enzima COX-1. Di conseguenza, quando prende il farmaco c'è un numero minimo di effetti collaterali che sono associati al tratto gastrointestinale, al sistema circolatorio e agli organi urinari.

L'assorbimento del farmaco è veloce, mentre è uniformemente distribuito in tutti i tessuti. Il livello massimo di concentrazione del componente attivo nel sangue viene raggiunto dopo 3 ore, la concentrazione di equilibrio viene raggiunta il giorno 5. La scissione si verifica dal fegato. L'eliminazione principale viene effettuata attraverso l'intestino insieme a feci circa il 57% e attraverso i reni con l'urina circa il 27%.

Controindicazioni

assoluta:

  • lesioni erosive e ulcerative attive della mucosa gastrica e / o ulcera duodenale, ulcera gastrica e / o ulcera duodenale in fase acuta, sanguinamento gastrointestinale;
  • insufficienza renale grave - clearance della creatinina (CC) inferiore a 30 ml / min; iperkaliemia confermata, malattia renale progressiva;
  • grave insufficienza epatica;
  • Triade di aspirina: combinazione parziale o completa di poliposi nasale ricorrente e seni paranasali, asma bronchiale e intolleranza all'acido acetilsalicilico o altri FANS, inclusi altri inibitori della COX-2 (comprese indicazioni nella storia);
  • età fino a 18 anni;
  • malattie cerebrovascolari pronunciate, lesioni delle arterie periferiche dello stadio grave, cardiopatia coronarica clinicamente confermata (CHD);
  • emorragia subaracnoidea, ictus emorragico;
  • scompenso cardiaco cronico (CHF) della classe funzionale II-IV secondo la classificazione della NYHA (New York Association of Cardiology);
  • il periodo dopo l'intervento di bypass dell'arteria coronaria (nei primi 10-14 giorni dopo l'intervento chirurgico, il rischio di disturbi della circolazione cerebrale e infarto del miocardio è aggravato);
  • malattia infiammatoria intestinale (morbo di Crohn, colite ulcerosa) durante il periodo di esacerbazione;
  • periodo di gravidanza e allattamento;
  • malassorbimento di glucosio-galattosio, deficit di lattasi, intolleranza al lattosio;
  • ipersensibilità a uno qualsiasi dei componenti del farmaco o sulfonamidi.

Relativo (Celecoxib deve essere trattato con estrema cautela):

  • gravi malattie somatiche;
  • appartenente a metabolizzatori lenti o sospetti esistenti di tale condizione (poiché questi pazienti possono accumulare alte concentrazioni di celecoxib nel plasma sanguigno);
  • età avanzata, così come basso peso corporeo, un corpo indebolito, trattamento diuretico;
  • la tubercolosi;
  • lesioni del tratto gastrointestinale (GIT), tra cui ulcera peptica e 12 ulcera duodenale, morbo di Crohn, colite ulcerosa, storia di sanguinamento; la presenza di infezione da Helicobacter pylori;
  • CKD (CC 30-60 ml / min);
  • ritenzione e gonfiore dei liquidi;
  • una marcata diminuzione del volume ematico circolante (BCC), anche dopo l'intervento chirurgico;
  • ipertensione arteriosa, malattie del sistema cardiovascolare (CCC); malattia arteriosa periferica;
  • lesioni cerebrovascolari;
  • disturbi del fegato di moderata gravità, indicazioni di una storia di malattia epatica, porfiria epatica;
  • diabete, dislipidemia / iperlipidemia;
  • fumo e / o alcolismo;
  • uso prolungato di FANS;
  • somministrazione combinata con inibitori dell'isoenzima CYP2C9;
  • trattamento concomitante con i seguenti agenti: glucocorticosteroidi orali (prednisone), agenti antipiastrinici (clopidogrel, acido acetilsalicilico), anticoagulanti (warfarin), inibitori selettivi del reuptake della serotonina (paroxetina, fluoxetina, sertralina, citalopram), digossina.

Utilizzare durante la gravidanza

I medici vietano categoricamente l'assunzione di compresse di celecoxib per le donne incinte. Negli studi, è stato notato che la composizione provoca una reazione tossica al feto. Pertanto, il trattamento può essere pericoloso per il futuro bambino. Soprattutto è necessario astenersi dal prendere nel terzo trimestre di gravidanza. In casi estremi, il medico può prescrivere Celecoxib se è vitale per una donna.

Non è raccomandato l'uso di compresse al momento dell'allattamento. Esiste il rischio che i componenti della composizione possano penetrare nel latte. Ciò si tradurrà in una reazione allergica pericolosa nel bambino e causare complicazioni. Se è necessario assumere Celecoxib, il medico chiederà alla donna di interrompere l'allattamento.

Istruzioni per l'uso

Secondo le istruzioni, Celecoxib viene assunto per via orale con acqua, indipendentemente dal pasto. Senza masticare, la capsula viene inghiottita intera senza aprirla.

Poiché il rischio di complicanze da malattie cardiovascolari è esacerbato dall'aumento della dose e della durata della terapia, il farmaco deve essere assunto nella dose minima efficace del decorso più breve possibile. In caso di uso prolungato, la dose massima giornaliera non deve essere superiore a 400 mg.

Regime di dosaggio raccomandato:

  • terapia sintomatica dell'artrite reumatoide: 2 volte al giorno, 100 o 200 mg;
  • terapia sintomatica di artrosi / spondilite anchilosante: una volta al giorno, 200 mg o 2 volte al giorno, 100 mg; con spondilite anchilosante, in alcuni casi, l'efficacia dell'uso del farmaco in una dose giornaliera di 400 mg;
  • terapia della sindrome del dolore / dismenorrea primaria: il primo giorno - una dose iniziale di 400 mg, se necessario, seguita da una dose aggiuntiva di 200 mg; dal secondo giorno di terapia - 2 volte al giorno, 200 mg, se necessario.

I pazienti con un rallentamento metabolico accertato o sospetto (nei portatori del genotipo omozigote del CYP2C9 * 3), nonché nei pazienti trattati con fluconazolo (un inibitore dell'isoenzima CYP2C9), la dose iniziale raccomandata del farmaco deve essere dimezzata.

Effetti collaterali

Una terapia inappropriata può portare ad anomalie nei seguenti sistemi:

  1. Cardiovascolare: il livello della pressione arteriosa aumenta, il polso si perde, il battito cardiaco aumenta, si verifica la tachicardia, il rischio di ictus ischemico e aumenta l'infarto del miocardio.
  2. Digestivo: dolore allo stomaco, costipazione, diarrea, gonfiore, nausea e vomito, effusione di sangue nell'esofago, sviluppo di epatite e insufficienza epatica.
  3. NS centrale e periferico: mal di testa e vertigini, insonnia, eccitabilità, allucinazioni, ridotta concentrazione, confusione.
  4. Urinario: infezione, insufficienza renale acuta.
  5. Respiratorio: faringite, rinite, sinusite, bronchite.
  6. Dermatologico: reazione allergica, alopecia locale, necrolisi tossica, pustus acuto.
  7. Circolatorio: anemia, trombocitopenia.
  8. Riproduttivo: violazione del ciclo mestruale.

Overdose

Le ricerche sono state condotte dagli scienziati per determinare la risposta al sovradosaggio di Celecoxib.

I soggetti hanno assunto compresse nella quantità di 1200 mg alla volta. Non sono state osservate reazioni pericolose. Tuttavia, si deve ricordare che ciascun organismo individualmente può rispondere a una dose elevata. Pertanto, nel caso di ricevere grandi quantità di celecoxib, è necessario recarsi immediatamente in ospedale ed eseguire le procedure sintomatiche appropriate.

Istruzioni speciali

Celecoxib, avendo un effetto antipiretico, è in grado di ridurre il significato diagnostico di un tale sintomo di una lesione infettiva come la febbre, e quindi avere un impatto sulla diagnosi di infezione.

Il farmaco, come tutti i coxib, aggrava il rischio di gravi effetti collaterali (incluso quello fatale) del CVS, inclusi trombosi, ictus e infarto del miocardio. Il rischio di queste complicanze può aumentare con l'aumentare della dose e della durata del trattamento, così come con le malattie esistenti del sistema cardiovascolare e i fattori di rischio per tali lesioni. Al fine di ridurre al minimo la potenziale minaccia di tali reazioni, Celecoxib deve essere usato nelle dosi più basse efficaci per il periodo di trattamento più breve possibile (come raccomandato dal medico curante). È necessario prendere in considerazione la probabilità dello sviluppo di queste complicanze anche in assenza dell'apparizione nel passato di sintomi di interruzione dell'attività CAS. I pazienti devono essere informati dei segni di gravi effetti collaterali del CVS e delle misure da adottare se vengono osservati.

Celecoxib può contribuire ad un aumento della pressione sanguigna, portando così allo sviluppo di complicanze cardiovascolari. In presenza di ipertensione arteriosa, il farmaco deve essere usato con cautela, monitorando le letture della pressione arteriosa all'inizio del corso e per l'intero periodo di trattamento.

Durante la terapia farmacologica, estremamente raramente si sono verificati casi di ulcerazione, perforazione e sanguinamento dal tratto gastrointestinale. I fattori che aumentano il rischio di queste complicanze nel trattamento dei FANS includono l'età avanzata, la presenza di malattie cardiovascolari, l'acido acetilsalicilico concomitante, emorragie, ulcere e processi infiammatori del tratto gastrointestinale durante il periodo di esacerbazione (comprese le indicazioni nella storia). Inoltre, il rischio di sanguinamento dal tratto gastrointestinale è esacerbato dall'uso combinato con anticoagulanti orali e glucocorticosteroidi, trattamento prolungato con FANS, consumo di alcol e fumo. La maggior parte delle reazioni avverse gravi dal tratto gastrointestinale è stata osservata in pazienti anziani e debilitati.

Sullo sfondo della terapia, in casi molto rari, è stata registrata la comparsa di reazioni avverse cutanee così gravi come la sindrome di Stevens-Johnson, la dermatite esfoliativa, la necrolisi epidermica tossica. Alcuni di loro sono stati fatali. Il più alto rischio di queste complicanze si verifica nel primo mese di trattamento. Il ricevimento di Celecoxib deve essere immediatamente interrotto se si verificano eruzioni cutanee, alterazioni delle mucose o altri segni di ipersensibilità.

Interazione con altri farmaci

L'uso simultaneo di farmaci in grado di inibire l'attività dell'isoenzima CYP2C9, ad esempio con il fluconazolo, può aumentare significativamente la concentrazione di Celecoxib nel plasma. Combinazioni con antiacidi - alluminio e magnesio, riducono l'assorbimento di Celecoxib di circa il 10%, senza causare un effetto clinicamente significativo. La combinazione di celecoxib con warfarin aumenta il rischio di sanguinamento.

Recensioni

Abbiamo raccolto alcune recensioni di persone sul farmaco Ibuprofen:

  1. Vadim, 50 anni. Recentemente ho trovato segni di dismenorrea primaria. Per rimuovere i sintomi iniziali di questa malattia, ho iniziato a prendere Celecoxib. Non è certo economico, tuttavia, molto efficace per questa malattia. Ho bevuto il medicinale per due settimane. Le pillole aiutano e alleviano immediatamente il dolore. Alla fine del corso, l'infiammazione e il gonfiore nell'area danneggiata sono stati completati. Sono soddisfatto dell'effetto del farmaco, in quanto non ha causato complicazioni e ha alleviato i sintomi più spiacevoli.
  2. Renat, 42 anni. Per il trattamento dell'artrite reumatoide mi sono state prescritte le compresse di Celecoxib. Li ho presi due volte al giorno dopo i pasti. Dopo aver preso immediatamente sentito l'effetto del farmaco. Ho avuto molto dolore e gonfiore. Il trattamento è durato 3 settimane. Dopo di ciò, ho passato una diagnosi completa e ho visitato un medico. Uno specialista ha notato un miglioramento delle mie condizioni. Ora puoi ri-bere la medicina in altri sei mesi per la prevenzione. Il farmaco Celecoxib era davvero in grado di far fronte all'artrite.
  3. Natalia, 54 anni. Per alleviare i dolori articolari gravi, ho iniziato a prendere Celecoxib. Ho bevuto 2 compresse al giorno, bevendo molta acqua. Dopo 3 giorni di ammissione, ho già sentito che il dolore scompare gradualmente. È importante che il farmaco non abbia causato le mie reazioni avverse durante l'intero corso della terapia. Dopo 10 giorni di ricovero, mi sono completamente sbarazzato dei dolori articolari, la loro mobilità è migliorata in modo significativo. Ciò è stato confermato dal mio medico curante dopo un esame completo.

Analoghi

Gli analoghi di Celecoxib sono:

  • Celebrex;
  • Dilaksa;
  • Arcoxia;
  • Dinastat;
  • Ranseleks;
  • Revmoksib;
  • Ketanov;
  • Denebola;
  • Nurofen.

Prima di usare analoghi consultare il medico.

Termini e condizioni di conservazione

Conservare fuori dalla portata dei bambini e al riparo dalla luce, a una temperatura non superiore a 25 ° C. Periodo di validità - 2 anni.

Guarda il video: Quick Take: Cardiovascular Safety of Celecoxib (Ottobre 2019).

Lascia Il Tuo Commento